Konitsa: un rifugio per carovane e mercanti

Costruita tra i monti Smolikas e Tymfi, Konitsa pare catturata da questi due giganti, eppure deve la sua fortuna allo stretto passaggio dove giace. Infatti Konitsa si trova al margine di un piccolo altopiano, fertilizzato dai fiumi che attraversano la regione. Protetta e difficilmente accessibile la città offriva riparo ai mercanti che passavano verso lo Ionio o verso entroterra dei Balcani, carichi di merci e idee. Non avendo altro a disposizione che le rocce delle montagne, la gente di Konitsa e dei villaggi limitrofi divennero abili costruttori in pietra e i loro villaggi furono nominati Mastorochòria (villagi dei mastri). L’uomo e la natura collaborarono in tale armonia che gli edifici sembrano parte organica del paesaggio montano. Oggi la conoscenza della costruzione in pietra è andata largamente perduta, ma i magnifici palazzi stanno a ricordare la bravura degli antichi maestri e a formare un paesaggio suggestivo.

Tutta la regione è sparsa di monasteri bizantini – alcuni dei quali fatti costruire dagli stessi imperatori bizantini, come la Molyvdoskèpasti – e ponti di pietra sopra i fiumi. Questi fiumi l’Aòos, Voidomàtis e Sarantàporos sono le piste ideali per praticare degli sport di montagna in un paesaggio meraviglioso: si può scegliere tra canoe-cayak, equitazione, oppure semplicemente camminare per conoscere la regione da scorci che altrimenti non sono raggiungibili. Generalmente la regione dell’Epiro, nell’angolo nord-ovest della Grecia non è molto famosa tra i turisti e conserva molto del suo fascino e promette molto da scoprire!

Grazie!

Α Trasias Studio per le belle foto!

Leave a Comment

Comment (required)

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Name (required)
Email (required)